Napoli, schianto in moto: guardia giurata senza scampo

Il ministro Grillo all'ospedale del Mare a Napoli
Foto LaPresse - Alessandro Pone 10 Luglio, Napoli (Italia) Cronaca Il ministro della salute Giulia Grillo visita l'ospedale del Mare dove il reparto di chirurgia vascolare è stato chiuso per 12 ore in coincidenza della festa del primario Francesco Pignatelli. In foto panoramiche dell'ospedale. Photo Lapresse Alessandro Pone 10 July, Napoli The Minister of Health Giulia Grillo visits the hospital of the Sea where the vascular surgery department was closed for 12 hours coinciding with the party of the primary Francesco Pignatelli. In the picture, panoramic views of the hospital.

NAPOLI – Tragedia ieri pomeriggio sul territorio di Casoria. Guardia giurata di 46 anni in sella alla sua moto di ordinanza è stata travolta da una Jeep Renegade in via Nazionale della Puglie. Armando Flocco, residente nel Comune di Napoli, è deceduto poco dopo l’arrivo all’Ospedale del Mare. I medici del presidio di Ponticelli nulla hanno potuto per salvare la vita alla guardia giurata, che aveva iniziato l’incarico nella sua nuova azienda da poche settimane. Indagini in corso per ricostruire la dinamica e per stabilire di chi siano state le responsabilità dell’impatto che è costato la vita ad Armando Flocco. Ad allertare i soccorsi sono stati alcuni testimoni dell’incidente stradale avvenuto ieri pomeriggio a Casoria. Gli uomini del 118 sono intervenuti immediatamente sul posto. Hanno caricato subito il 46enne in ambulanza e si sono diretti verso l’Ospedale del Mare. La situazione era apparsa subito critica, tant’è vero che la vittima è deceduta appena arrivata al presidio ospedaliero di Napoli Est. Sulla salma della guardia giurata è stata disposta l’autopsia. Familiari e amici aspettano che venga dissequestrata per organizzare i funerali. Il dramma di ieri a Casoria ha riacceso i riflettori sulla necessità di aumentare i controlli per arginare il numero di incidenti mortali segnalato in aumento costante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome